| by Gianni Gasparetto | No comments

8 miti sul trading che saboteranno il tuo successo – Parte 2

Articolo precedente 8 miti sul trading che saboteranno il tuo successo – Parte 1

Mito n. 5: impara prima su una demo

Un altro mito che tutti ti consigliano di seguire è che dovresti iniziare a fare trading su una demo e solo dopo un tot di tempo aprire un conto reale ed iniziare a fare trading. Le persone che lo raccomandano probabilmente non vedono la differenza significativa tra il trading di un conto demo e quello reale. Una demo è solo una simulazione in modalità facile. Non vi è alcuno slippage, gli spread sono minimi e fissi (non si allargano mai), le tue operazioni vengono sempre eseguite al prezzo impostato e quando subisci un trade in perdita, il tuo stop-loss viene attivato esattamente al prezzo che è stato piazzato.

La formazione su una demo ti impedirà anche di imparare a gestire le tensioni psicologiche associate al trading dal vivo. Questo è un altro svantaggio, e probabilmente il più significativo, poiché la psicologia è un fattore critico nel determinare il tuo livello di successo e dovresti allenarlo intenzionalmente.

Fai trading con posizioni molto piccole

Perché dovresti allenarti su una demo quando puoi allenarti su un conto reale, in condizioni di mercato reali? Come si fa a farlo? Basta aprire un conto di trading molto piccolo e quindi operare con le dimensioni più piccole che ti consentono  (ad esempio ci sono i microfuture oppure i cfd con cui ripartire la posizione anche con lotti di 0.01 della size intera). Non importa quanto male traderai. I tuoi errori ti costeranno molto poco.

Se, ad esempio, apri un conto con i cfd devi depositare almeno € 200. Quindi puoi negoziare con posizioni basse come lotti da 0,01. Se fai un trade intraday sul forex con stop loss di 10 pip, rischi $ 1 per trade. 

Ci sono anche broker che ti permetteranno di fare trading con solo 0.001 posizioni di lotto.

Non negoziare con le posizioni più basse in assoluto

Tuttavia, non consiglierei di fare trading con le posizioni più basse possibili in quanto ti faranno ugualmente trascurare l’aspetto emotivo. Il problema è che non ti importerà davvero di perdere o guadagnare perché rischierai solo pochi centesimi per operazione. Il trucco sta nel trovare l’equilibrio giusto per TE. Vuoi scambiare posizioni molto piccole perché stai imparando, ma non posizioni troppo piccole. Come fai a sapere se è troppo piccolo?

Il dimensionamento della tua posizione potrebbe essere troppo piccolo se, ad esempio, ti ritrovi a lasciare il tuo trade aperto durante le notizie macro perché sei troppo pigro per monitorarlo e casomai chiuderlo. Un altro caso comune è quando non ti attieni allo stop-loss originale e continui a sopstarlo sempre di più man mano che il prezzo si avvicina. Il mio punto è che se la tua posizione fosse un po’più grande, ti aiuterebbe a rimanere più disciplinato. E la disciplina è ciò che vuoi imparare. La linea di fondo è: indipendentemente dal fatto che tu decida di scambiare mini, micro o nano lotti, è un’opzione MOLTO migliore rispetto alla pratica su una demo.  Alla fine, dovrai scambiare denaro reale se vuoi andare avanti con il tuo trading. Prima inizi, meglio è.

Mito n. 6: puoi fare soldi facili e veloci scambiando sulle news o sui dati macroeconomici

Lasciami dire questo: puoi far si soldi facili e veloci scambiando le news, MA puoi anche perderli altrettanto velocemente. 

Le probabilità sono contro di te

Quando arriva la notizia, tutti gli algoritmi istituzionali dimpazziscono. La volatilità aumenta e il prezzo sale e scende rapidamente. In condizioni come queste, i broker devono proteggersi. O almeno dicono ai loro clienti che devono farlo. Quindi quello che fanno è che allargare gli spread.

Fare trading quando lo spread è ampio è uno svantaggio enorme e diminuirà in modo significativo le tue possibilità (sto parlando a lungo termine, non di uno scambio fortunato) di mantenere un vantaggio statistico che puoi applicare in modo coerente.

C’è anche un altro fattore che gioca fortemente contro di te durante qualsiasi comunicato  macro e cioè lo slippage.

Lo slippage si verifica quando il prezzo si sta muovendo troppo velocemente e semplicemente non c’è abbastanza liquidità per eseguirti al prezzo desiderato. Questo fa sì che sia gli ingressi che le uscite dai trade vengano eseguiti lontano dal prezzo impostato. Se c’è una forte reazione alle notizie, lo slippage potrebbe facilmente essere di 20 pips o più. Questo è un killer alla tua strategia.

Non importa quanto sia buona la tua strategia, posso garantire che non avrà successo in tali circostanze. Ci sono pochissime garanzie nel trading, ma questa è una che puoi portare in banca!

Un piccolo esperimento

C’è un esperimento interessante che vorrei che tu provassi. Innanzitutto, apri due piattaforme di trading con un feed di dati diverso (broker diversi). Uno di questi dovrebbe essere un account reale, l’altro su una demo. Quindi attendi un comunicato stampa macro importante. Guarda attentamente il grafico a 1 minuto e quanto differisce in modo significativo il prezzo tra questi due broker. Molte volte ci sarà una grandissima differenza tra i due.

Puoi anche portare questo piccolo esperimento ad uno step successivo. Posiziona due ingressi identici con un “ordine limite” piccolo (ad esempio lotto 0,01) durante le notizie macro. Uno sul conto reale e l’altro sulla demo. Sarai davvero sorpreso di quanto le due operazioni differiranno drasticamente!

Vuoi scambiare veramente sul tuo conto reale in queste condizioni? Io no. 

Io trado solo quando ho un vantaggio, non quando le probabilità sono contro di me.

Quindi sì,  puoi guadagnare velocemente scambiando sulle news con una o due operazioni fortunate, ma a lungo termine le probabilità sono fortemente contro di te.

Non è possibile prevedere l’esito della notizia

Dopo anni passati a guardare le notizie e le reazioni del mercato, sono fermamente convinto che scegliere costantemente la direzione del mercato in base alle notizie sia un esercizio di futilità. A volte puoi immaginare di fare un’ipotesi intelligente sulla direzione dei dati economici, e questa è la parte più semplice. La parte ancora più difficile è determinare come reagiranno i mercati.

Sarebbe piuttosto semplice se una valuta si rafforzasse se ci fosse una “buona” notizia e si indebolisse se ci fosse una “cattiva” notizia. Sfortunatamente, non funziona così, poiché  molto spesso vedrai una reazione positiva alle  notizie negative e una reazione negativa ai dati positivi.

Lasciate che vi faccia un esempio. Il 24 ottobre è stata pubblicata una notizia sulle decisioni sui tassi BOC (Bank of Canada). Questa è attualmente la notizia più significativa per il dollaro canadese. Il consenso della maggior parte degli analisti era stato che la Banca del Canada avrebbe aumentato il loro tasso di overnight  dall’1,50% all’1,75%. Questa volta il consenso era giusto e la banca centrale ha davvero aumentato i tassi.

Vi sono due reazioni logiche a tali notizie. In primo luogo, non vi è alcuna reazione alle notizie, perché il risultato è stato anticipato. In secondo luogo, il dollaro canadese si rafforza a causa dell’aumento dei tassi. Ciò che è realmente accaduto è stato che all’inizio, il CAD si è molto rafforzato, per indebolirsi ancora di più il giorno successivo!

C’è un modo per prevederlo? Io non penso. So che farò in modo che i trader, col senno di poi dicano: “certo che puoi prevederlo! È un classico caso di “Compra sui rumors e vendi sulle news”. 

In parole povere ci sono troppe variabili e incertezze intorno alle news per poterle sfruttare con una qualsiasi forma di coerenza. Questo è solo uno dei tanti esempi per cui penso sia meglio evitare di indovinare il risultato della notizia.

Perché tutti gli “esperti” parlano delle news

Se consiglio di NON scambiare le notizie, perché tutti gli “esperti” parlano e scrivono continuamente sulle notizie economiche? Per trovare la risposta, pensiamo a come e dove scorre il denaro.

La maggior parte degli “esperti” sono solo dipendenti di intermediari o società simili. Vengono pagati per aver scritto articoli sulle notizie macro. Perché le aziende li pagano per aver scritto delle notizie? Ci sono diverse ragioni. Ad esempio: scrivendo di cose “complicate”, la società sembra super professionale. Inoltre, le persone che commerciano con l’azienda vedono tali analisi come un incentivo al trading. Una delle tattiche più audaci è che qualcuno della società di intermediazione chiama i propri clienti e dice loro alcune informazioni senza senso su alcune notizie economiche. Dicono loro esplicitamente che ora è un buon momento per fare trading (a causa delle notizie). Non ha senso, vero? Tranne che funziona e porta soldi all’azienda. Questa non è una teoria selvaggia, amici miei; E’ così che funziona.

Mito n. 7: prendi solo le operazioni più belle

A volte senti storie (soprattutto sui social) di qualcuno che fa un’analisi approfondita, trova le migliori azioni o opportunità di trading, ci scommette sopra tutti i suoi soldi e diventa un milionario. Alle società di intermediazione piace raccontare storie del genere e non devono necessariamente essere bugie. Il fatto triste è che per 1 persona che ha fatto una mossa così grande, ci sono letteralmente migliaia di altri che hanno provato lo stesso approccio e hanno fallito. Perché non sentiamo (o non ci raccontano) storie del genere?

  1. Perché non vendono
  2. Le persone si vergognano di parlare dei loro fallimenti. 

Tutto qua.

Non voglio scoraggiarti dal fare un’analisi adeguata o dal guardare nuove idee di investimento. Quello che voglio dire è che il trading e gli investimenti in generale, sono sempre un gioco di probabilità NON di certezza. Non importa quanto sia approfondita la tua analisi, non importa quanto sia buono il tuo livello di trading o idea di trading, puoi sempre perdere!

Anche i migliori livelli e analisi possono avere un rapporto vincita / perdita del 70%. Il 70% è davvero buono, ma comunque, anche se mantieni una percentuale vincente così alta, sperimenterai comunque periodi di drawdown e quindi dovrai mantenere il corretto dimensionamento della posizione. Ci sono troppi buoni trader che avevano una grande strategia, ma se sei troppo sovraesposto (usi una leva esagerata) inevitabile salteranno in aria durante un calo del mercato. Ricorda, è sempre meglio avere 100 piccoli scambi con un rapporto vincita / perdita del 70% rispetto a 1 grande scambio con un tasso di successo del 70%.

Mito n. 8: il trading è facile

La cosa divertente è che ho iniziato a fare trading perché pensavo fosse facile. Poi ho capito che “il trading è il modo più difficile per fare soldi facili”.

Chi fa corsi di trading (i falsi guru, perché ci sono anche validi formatori che ti sbattono in faccia la realtà) o alcuni brokers online di solito cercano di convincere le persone a fare trading mostrando loro un’immagine come questa:

Ogni volta che vedo queste immagini mi sale la rabbia in corpo.

Sfortunatamente il trading non funziona in questo modo. I trader a tempo pieno non sono persone che guadagnano milioni sdraiati su una spiaggia con i loro laptop. Il trading è un lavoro che richiede piena concentrazione mentale, attenzione ai dettagli e il buon vecchio e duro lavoro. Questo può essere fatto da un ufficio domestico ben organizzato, ma pensare che stai andando a fare trading su una spiaggia dei Caraibi non è realistico. Non importa quanta esperienza hai, saresti pazzo a fare trading in quel modo.

Chiunque scambia in reale vuole essere in grado di avere tutto sotto controllo. I trader professionisti hanno computer potenti e connessioni internet veloci e non scambieranno mai da un luogo non adeguato.

Non fraintendetemi, il trading ti dà la libertà. Ti dà la libertà di prenderti il tuo tempo libero quando vuoi. Di fare trading da dove vuoi (nei limiti della coerenza). Puoi farlo da casa o in ufficio. Puoi stare in città o se hai una casa al mare o in montagna (purchè con una linea internet solida e veloce) puoi spostarti. Non hai bisogno di cercare un lavoro, soprattutto in questo periodo di grande crisi globale.

Ma prima, devi passare un po’ di tempo a studiare e fare del sano e duro lavoro.

Conclusioni

Il trading, per me, è il lavoro più bello del mondo.

Mi lascia una gran libertà di gestione del mio tempo.

Mi da la sensnazione piacevole di guadagnare con le mie forze; è il lavoro più meritocratico che conosca… se sei bravo guadagni, se sei scarso perdi. Non hai nessuno che ti dia “una spintarella”.

Ma è anche un lavoro difficilissimo. Dovrai combattere, prima che con le mani forti presenti sul mercato, con te stesso. E’ un lavoro molto psicologico. Ti dovrai attenere scrupolosamente alle regole. Sono così si può riuscire.

Ma la notizia bella è che è possibile vivere di trading.

A presto!

Lascia un commento