| by Gianni Gasparetto | No comments

Come sviluppare un cervello da trader professionista

“Il più grande nemico del trader è la paura. Chi ha paura perde.” Questa è la tesi di base di ” Tradingpsychologie “, un libro tedesco del 2012 sulla psicologia del trading che è stato accolto con grande entusiasmo. Molti lettori e recensori hanno commentato che questo sia il miglior libro sull’argomento che abbiano mai letto.

L’autore del libro, Norman Welz, è uno psicologo e giornalista che ha sviluppato un vivo interesse per il mercato azionario e la psicologia associata. La sua specialità è la psicologia del trading, un argomento su cui ha non solo una vasta esperienza ma anche alcune intuizioni uniche. Tra le altre cose, è un formatore ed insegna ai trader di sviluppare il cervello nella giusta direzione.

Welz sottolinea che ciò che differenzia il suo lavoro dalla vasta letteratura che esiste sul campo è l’enfasi che egli pone alla psicologia applicata al trading. È risaputo che i trader hanno bisogno di disciplina, ma accettare questa idea non è sufficiente a consentire agli investitori di operare nel modo appropriato.

È davvero tutto nella mente

L’essenza del problema è che la maggior parte delle persone ama e ha bisogno della sicurezza in tutte le sue forme, ma “il trading è il business più insicuro che ci sia”, afferma Welz. 

Inoltre sostiene che nessun’altra professione crea così tante emozioni intense e riflette così tanto la nostra personalità. Si spinge fino a dichiarare che le attività del mercato azionario personificano il denaro: “non scambiamo solo attività e denaro, diventiamo il denaro”, secondo Welz.

Per operare in modo efficace, la giusta mentalità è essenziale. Eppure, nulla è più difficile del separci da noi stessi e dalla moltitudine di esperienze che hanno creato le nostre mentalità e che determinano il funzionamento del nostro cervello. Siamo influenzati da genitori, famiglia, amici, ambiente, società, media, libri e altro. Quando iniziamo a fare trading, tutte queste influenze tendono a correggere gli schemi di trading spesso disfunzionali o non ottimali. Cercare di cambiare questi schemi è a metà tra il difficile e lo spaventoso.

Perché i traders trascurano la psicologia?

Per comprendere l’approccio di Welz, è necessario comprendere il ruolo pervasivo della psicologia e del cervello. Mentre non è una novità l’idea che la psicologia sia vitale per il mercato azionario, Welz crede che il trading sia letteralmente psicologia al 100%. Senza una psiche, non potremmo mai valutare il rischio finanziario o riconoscere le tendenze. “Nessun cervello, nessun commercio in borsa”. La forza mentale è quindi assolutamente fondamentale per il successo nel trading. Inoltre, circa il 95% delle nostre azioni è dato dal subconscio e tendiamo a replicare ripetutamente i nostri comportamenti. Troppo spesso, questa replica significa ripetere le azioni sbagliate o addirittura disastrose.

A sostegno di questa tesi, Welz fa riferimento a uno studio in cui a 120 operatori è stato assegnato un sistema che aveva dimostrato statisticamente il suo valore intrinseco in 19 dei 20 anni precedenti. Dopo un anno di test, era evidente che 119 di questi trader fallivano con il sistema perché le loro tendenze mentali li portavano fuori strada. Tutti i trader tranne uno avevano i processi mentali sbagliati. “Il successo viene dalla testa”, afferma Welz. Il sistema era buono, ma gli atteggiamenti e la psicologia con cui i traders applicavano quel sistema non lo erano.

La maggior parte dei traders sono uomini, che tendono a pensare che la psicologia non sia ciò che conta davvero. Pensano che ciò che conta, piuttosto, siano nozioni semplicistiche come essere freddamente razionali, ben informati ed esperti. Secondo Welz, tuttavia, razionalità, informazione ed esperienza non aiutano se il cervello non è programmato e messo a punto in modo appropriato. Quindi cosa possiamo fare per indurre le nostre menti e il subconscio ad agire in modo appropriato?

Approccio di Welz

Welz lavora sul cervello dei traders attraverso il subconscio e l’ipnosi. I tirocinanti sono messi in uno stato di fiducia e le competenze necessarie sono ancorate nelle regioni subcoscienti del cervello. Se questo processo sembra un po’ strano, considera questo: per molti anni, Welz ha aiutato le persone a superare le loro paure e i loro blocchi, consentendo loro di vincere campionati sportivi e persino di assicurarsi una vittoria olimpica. Inoltre, ha aiutato i traders a guadagnare denaro attivando la giusta energia mentale, motivazione e, quindi, comportamento. Sottolinea che ogni persona ha ponti mentali e barriere unici che devono essere attraversati o superati per garantire il successo.

La “disciplina nel trading” deriva dalla modifica del proprio comportamento nella direzione desiderata e dal superamento della resistenza mentale e della paura che generalmente si frappongono. Soprattutto nel contesto del trading, Welz ritiene che “ci siano eserciti di resistenza”. Il cervello del trader implica infatti un’integrazione del giusto investimento e conoscenza del mercato con le giuste capacità mentali. Non è che le solite abilità non siano importanti, è solo che di solito vengono sostituite da schemi mentali e comportamentali sbagliati.

Un trading efficace comporta quindi una modifica della personalità. Secondo Welz, “le persone che non sono disposte a tentare questo non dovrebbero nemmeno preoccuparsi del trading”. Coloro che si concentrano solo sui cosiddetti aspetti logici di grafici e tendenze, compresi tutti quei modelli come bandiere, triangoli e canali o fermate e intervalli di scambio”, alla fine si scontreranno sulla miriade di emozioni che inevitabilmente entrano in gioco e persino dominano il mercati.

Quanto sopra, spiega Welz, è “la versione ultra-corta” della sua teoria, ma in effetti è l’essenza della questione. Inoltre, crede che chiunque possa diventare un trader e superare le proprie paure. A condizione che le persone non siano clinicamente malate, possono risolvere quelle ansie fondamentali se sono veramente disposte a lavorare su loro stessi. Inoltre, hanno bisogno di un buon senso e della presa sulla realtà se si vuole avere successo. Naturalmente, le conoscenze e le capacità finanziarie, l’informazione e la ricerca svolgono ancora ruoli chiave.

Tuttavia, è difficile arrivarci. Welz ritiene che le persone non dovrebbero pensare di poter “iniziare con un mini-account e vivere dei propri guadagni come trader professionisti entro sei mesi”. Ci vuole tempo e dedizione. Welz ritiene che se così non fosse, le strade sarebbero piene di Ferrari e Porsche.

Concludendo

Il ruolo fondamentale della psicologia nel trading tende ad essere sottovalutato mentre viene messa troppa enfasi sul lato tecnico. Mentre entrambi sono essenziali, è probabilmente la mentalità giusta che differenzia i trader di successo da quelli senza successo. Tuttavia, apprendere gli aspetti tecnici del trading è più semplice che acquisire un cervello da vero trader di prim’ordine. Quest’ultimo comporta generalmente un intenso lavoro sui tratti della propria personalità e lo sradicare schemi comportamentali già fissati. Questo processo non è facile e richiede dedizione, tempo e, spesso, l’aiuto di un mentore esperto.  A presto!

Lascia un commento