| by Gianni Gasparetto | No comments

I 7 peccati capitali… che gli investitori devono affrontare

In questi giorni stiamo assistendo ad una delle più forti e rapide discese del mercato. Dopo più di 10 anni di rialzi, inframezzati da leggeri storni, avevamo perso la capacità anche di attenzione.
lo stesso modo di fare trading, per molti, era cambiato. Non si mettevano nemmeno più gli stop loss. Si rischiava di fare la figura del pirla a mettere uno stop su una posizione long. Al massimo si soffriva un po’ per un loss virtuale di qualche giorno, ma da lì a poco il mercato sarebbe tornato inevitabilmente su, anzi avrebbe rotto i massimi. Tanto era quello che aveva fatto per 10 anni.

L’economia a volte subisce una crisi, a causa di una guerra, un disastro naturale imprevisto o come in questo caso da un virus. Naturalmente, queste cose vanno oltre il controllo di un investitore. Ma la turbolenza nel mercato può spesso essere collegata non ad alcun evento percepibile ma piuttosto alla psicologia degli investitori. Una buona parte delle perdite dei portafogli può essere ricondotta alle scelte degli investitori e ai motivi per cui sono state fatte, piuttosto che alle forze invisibili del male che tendiamo ad incolpare quando le cose vanno male. 

Analisi dei problemi ricorrenti

Esaminiamo alcuni dei modi in cui gli investitori inconsciamente si mettono nei pasticci.

Seguire il gregge

Gli umani sono inclini a una mentalità da gregge, conformandosi alle scelte dettate da altri. Questo è uno degli errori più comuni negli investimenti. Immagina che tu e una dozzina di altre persone veniate catturati in un teatro in fiamme. La stanza si riempie di fumo e le fiamme brandiscono le pareti. Le persone più qualificate per farti uscire in sicurezza, come il proprietario dell’edificio o un vigile del fuoco fuori servizio, evitano di assumere il comando perché temono di sbagliare e conoscono le difficoltà di guidare un gruppo accecato dal fumo.

Una persona si prende in carico la situazione e si fa avanti e tutti sono felici di seguire il nuovo leader. Questa persona non è qualificata per condurti fuori nel miglior modo possibile né tantomeno da un edificio sconosciuto in fiamme, quindi, purtroppo, hai più probabilità di finire incenerito che trovare la tua via d’uscita. Questa tendenza a farsi prendere dal panico e dipendere dalla direzione degli altri è esattamente il motivo per cui sorgono problemi nel mercato azionario, tranne per il fatto che spesso stiamo seguendo la folla nell’edificio in fiamme piuttosto che cercare di uscire. Ecco due azioni causate dalla mentalità del gregge:

  • Acquisto da panico (di rimanere fuori da un rialzo epocale):  questa è la sindrome da “titolo hot”, i cui sintomi di solito si manifestano in parole d’ordine come “rivoluzione”, “nuova economia” e “cambiamento di paradigma”. Vedi un’azione, un futures, il Bitcoin aumentare vertiginosamente di prezzo e vuoi salire in corsa, ma sei così di fretta che salti il ​​tuo solito controllo (bilanci, news societarie, ecc.) sull’azienda. Dopo tutto, qualcuno deve averli guardati per determinare un rialzo di quelle proporzioni, giusto? Sbagliato!
    Tenere in portafoglio un titolo “caldo” a volte può bruciarti. Il miglior modo di agire è con la dovuta diligenza. Se qualcosa sembra troppo bello per essere vero… probabilmente lo è!
  • Vendita in panico:  questa è la sindrome della “fine del mondo”. Il mercato (o le azioni) iniziano a subire una recessione e le persone si comportano come se non fosse mai successo prima. I notiziari parlano di apocalisse. Le trasmissioni televisive che parlano di questo crack, moltiplicano. I sintomi includono molto senso di colpa, parolacce e disperazione. Indipendentemente dalle perdite subite, inizi a uscire prima che il mercato cancelli ciò che resta del tuo fondo pensione. L’unica cura per questo è aver fatto il classico “compitino” prima, quando i mercati erano tranquilli. Se hai fatto tutto con la dovuta diligenza, le cose probabilmente andranno bene.

Non possiamo controllare tutto

Sebbene sia un obbligo, la dovuta diligenza non può salvarti da tutto. Le società che rimangono impigliate negli scandali o mentono sui loro bilanci (vedi il caso BioOn) possono ingannare anche l’investitore più esperto e prudente. Per la maggior parte, queste società sono facili da individuare con il senno di poi (ad esempio, Enron), ma le prime voci erano sottili segnali acustici sugli schermi radar di investitori vigili. Anche quando una società è onesta, uno scandalo correlato può indebolire il prezzo delle azioni. Martha Stewart Living Omnimedia, ad esempio, ha subito un duro colpo a causa della presunta vendita di informazioni privilegiate da parte di un omonimo. Quindi tieni sempre presente che si tratta di un “mercato di rischio”. 

Affidarsi alla fortuna

I giocatori d’azzardo possono sempre dirti quante volte hanno vinto e che cifra, ma mai quante volte e quanto hanno perso. Questo è il problema di fare affidamento su introiti che derivano dalla fortuna piuttosto che dall’abilità: non puoi mai prevedere quando la fortuna ti farà guadagnare, ma quando lo fa, è una gioia tale che cancella lo stress (psicologico, non finanziario) che hai subito .

Gli investitori possono cadere in preda sia al desiderio di avere qualcosa da mostrare per rendersi “fighi” agli occhi degli altri traders sia all’avversione ad ammettere di aver sbagliato. Pertanto, alcuni investitori detengono azioni che stanno perdendo, pregando gli angeli per un’inversione; altri investitori, accontentandosi di utili limitati, vendono titoli che hanno un grande potenziale a lungo termine. Più un investitore perde, tuttavia maggiore deve essere il guadagno per soddisfare le aspettative.

Una delle grandi ironie del mondo degli investimenti è che la maggior parte degli investitori sono avversi al rischio quando inseguono guadagni ma diventano amanti del rischio quando cercano di evitare una perdita (mangiano come un uccellino e cagano come un elefante). Se stai spostando il tuo capitale non a rischio in investimenti ad alto rischio, stai contraddicendo ogni regola di prudenza ed il mercato azionario solitamente punisce queste azioni. Puoi perdere denaro con le commissioni sovradimensionando e facendo investimenti ancora peggiori. Non lasciare che il tuo orgoglio ti impedisca di vendere i tuoi titoli in perdita e mantieni invece quelli forti.

Xenofobia (finanziaria)

Le persone con questo disturbo psicologico hanno una paura estrema degli stranieri o degli estranei. Anche se la maggior parte delle persone considera queste paure irrazionali, gli investitori si impegnano sempre in comportamenti xenofobi. Alcuni di noi hanno un innato desiderio di stabilità e le cose apparentemente più stabili sono quelle che ci sono familiari e vicine a casa (paese o stato).

L’importante dell’investimento non è la familiarità ma il valore. Se guardi un’azienda appena entrata sul mercato o un titolo di una borsa estera, ma il suo bilancio sembra sano, non dovresti eliminare a priori la possibilità di investirci sopra. Le persone lamentano costantemente che è difficile trovare titoli davvero sottovalutati, ma poi non si guardano intorno; inoltre, quando tutti pensano che le società nazionali siano più stabili e provino ad acquistare, il mercato azionario arriva al punto di essere sopravvalutato, il che assicura ironicamente alle persone che stanno facendo la scelta giusta, causando probabilmente una bolla. Non prendere questo come un comandamento per smettere di investire sul tuo mercato interno; ricordati solo di controllare attentamente una compagnia straniera allo stesso modo di come faresti con una domestica. 

I 7 peccati capitali

Alcuni problemi che gli investitori devono affrontare non sono isolati dal mondo degli investimenti. 
Diamo un’occhiata ai “7 peccati capitali degli investimenti” che spesso portano gli investitori a seguire ciecamente il gregge:

  1. Orgoglio:  questo si verifica quando stai cercando di salvare la faccia mantenendo un cattivo investimento invece di incassare le tue perdite e andare avanti. Ammetti quando sbagli, riduci le perdite e vendi le schifezze che ti trovi in portafoglio. Allo stesso tempo, ammetti quando hai ragione e mantieni i titoli buoni.
  2. Lussuria: la  lussuria negli investimenti ti fa inseguire un’azienda per il suo corpo (prezzo delle azioni) invece che per la sua personalità (fondamenti). La lussuria è una delle cause dello scoppio di bolle.
  3. Avarizia: questo è l’atto di vendere “investimenti affidabili” e di mettere quel denaro in investimenti ad alto rendimento e ad alto rischio. Questo è un buon modo per perdere la camicia: il mondo è abbastanza freddo senza doverlo affrontare nudo.
  4. Collera: Questo è qualcosa che accade sempre dopo una perdita. Dai la colpa alle aziende, ai broker, al mercato, agli squali di Wall Street, ai consulenti, alla CNBC, al ragazzo dei giornali, a tutti tranne a te. Invece di perdere la calma, renditi conto che ora sai cosa devi fare la prossima volta.
  5. Ghiottoneria: una completa mancanza di autocontrollo o di equilibrio, la ghiottoneria ti fa mettere tutte le uova in un paniere, possibilmente un paniere troppo spesso che non merita le tue uova (BioOn, MPS, Tiscali?). Ricorda che l’equilibrio e la diversificazione sono essenziali per un portafoglio. Troppo di una cosa sola è esattamente questo: TROPPO!
  6. Bradipo: hai indovinato, questo significa essere pigri e non fare le scelte con il dovuto studio, la dovuta diligenza. Il rovescio della medaglia, un po’ di bradipo può essere OK purché sia ​​nel contesto dell’attività di portafoglio. Gli investitori passivi possono trarre profitto con meno sforzi e rischi rispetto agli investitori iperattivi.
  7. Invidia:  Invece di maledire gli investitori di successo, perché non provare a imparare da loro? Ci sono persone peggiori da emulare di Warren Buffett . Prova a leggere un libro o due: la conoscenza raramente danneggia il titolare.

Conclusioni

Gli umani sono inclini alla mentalità della mandria, ma se riesci a riconoscere cosa sta facendo la mandria e riesci ad esaminarla razionalmente, avrai meno probabilità di inseguire la fuga al prossimo crack.

A presto!

Lascia un commento