| by Gianni Gasparetto | No comments

Cocaina e Trading – Per il cervello sono la stessa cosa!

Da un articolo di David Floyd giornalista finanziario.

“Sta arrivando da un momento all’altro. Stai aggiornando costantemente la pagina delle relazioni con gli investitori, maledicendo il tuo WiFi incredibilmente lento.
Ti stai contorcendo sulla tua sedia, in previsione dell’ultimo rapporto sugli utili.  La tua azione sta scivolando da settimane, e gli esperti in TV stanno dicendo che il picco massimo della compagnia c’è già stato. È il tempo di passare alla cassa, sia che tu abbia guadagnato o che tu stia perdendo. Devi andare avanti. 
Sai che si sbagliano: gli analisti, i venditori allo scoperto, i giornalisti. Tutti!
Sono tutte pecore! Loro non sanno niente, non conosco il mercato!

Ed eccolo qui. Fai clic sul collegamento al report e… è uno spettacolo!!! Non stai più nella pelle. Tu lo sapevi.
Inoltre, non è tutto: la crescita dei profitti operativi è abbondantemente oltre le più rosee aspettative. I prezzi in after-hour stanno già aumentando – del 10 / 12 / 15 percento.”

Ciò che accade nel tuo cervello – quel ronzio che senti, l’euforia che segue – è molto simile alla sensazione provata dai tossicodipendenti, il colpo che procura la cocaina, secondo i ricercatori dell’Università di Harvard. 

Come il cervello può reagire in modo simile agli investimenti e alla cocaina

Da una serie di prospettive – quella legale, principalmente – assistere ad una rischiosa scommessa finanziaria (ed essere ripagati da un buon gain) e usare la cocaina sono cose molto diverse. Ma non per il tuo cervello!

La ricerca suggerisce, secondo un articolo del 2001 di Hans Breiter e colleghi della Harvard Medical School, che le attivazioni osservate in quattro regioni del cervello – NAc, SLEA, VT e GOb – in risposta a prospettive monetarie e a risultati eclatanti, si sovrappongono a quelle osservate nei soggetti dipendenti dalla cocaina.
 (Quelle abbreviazioni, se sei curioso, significano rispettivamente:

  • NAc o NAccNucleus Accumbens
  • SLEASubLenticular Extended Amygdala
  • VTVentral Tegmental
  • GOb – orbitofrontal cortex

In altre parole, una “grossa striscia” è per un tossicodipendente di coca ciò che una grossa vittoria è per un Trader (o un giocatore d’azzardo).

Questo offuscamento finanziario e narcotico fa luce sulle dimensioni comportamentali e psicologiche degli investimenti, che spesso non vengono apprezzate. Agli investitori piace pensare a se stessi come individui razionali con l’acume mentale, l’equilibrio emotivo e l’intestino di titanio necessari per prosperare in mercati turbolenti. Ma i pregiudizi irrazionali possono insinuarsi e danneggiare i risultati.

Seguono cattive decisioni

Tra gli effetti collaterali più pronunciati della cocaina c’è il desiderio di più cocaina, preferibilmente quanto più e il più rapidamente possibile. Se una operazione finanziaria esperta (o fortunata) su un determinato titolo o azzeccare un numero del lotto vincente ti spinge a fare subito un’altra scommessa audace, è probabile che tu faccia parte dei “tossicodipendenti da trading (o da scommesse).

Attento, i demoni non sono famosi per la loro saggezza.

Nel suo libro “I tuoi soldi e il tuo cervello”, Jason Zweig menziona le reazioni simili che il cervello subisce sia che si trattino di guadagni borsistici che di assunzione di cocaina, insieme a una serie di altre debolezze umane che possono portare a decisioni sbagliate. 

“Le perdite finanziarie vengono elaborate nelle stesse aree del cervello che rispondono al pericolo mortale”

scrive. Una tendenza cablata ad aspettarsi che accada una terza volta qualsiasi cosa accada due volte ha ben poco a che fare con le probabilità del mondo reale. Soprattutto, questi effetti non sono semplici fenomeni mentali: fare e perdere denaro produce “un cambiamento biologico che ha profondi effetti fisici sul cervello e sul corpo”.

Visto in questa luce, gli spettacolari disastri commerciali come quello della London Whale – che JPMorgan Chase & Co. subì, perdendo $ 400 milioni con una singola operazione nel 2011, per poi perdere $ 6,2 miliardi l’anno successivo – hanno un po’ più senso.

Conclusioni

Fortunatamente, un po’ di disciplina e frequenti controlli sulla realtà possono smorzare gli effetti dei pregiudizi psicologici. Il primo passo, tuttavia, è accettare che non sei così accorto e obiettivo come penseresti di essere. Puoi seguire i numeri, ma il cervello che usi per elaborare quei numeri è uno strumento inaffidabile. Si è evoluto per formare legami di parentela, cacciare grandi bestie pelose e raccogliere materia vegetale nutriente. Nonostante sia eccezionale, non è però un terminale di Bloomberg.

A presto!

Lascia un commento