| by Gianni Gasparetto | No comments

Bias del senno di poi

Che cos’è il pregiudizio per il senno di poi?

La distorsione del senno di poi è un fenomeno psicologico in cui gli individui tendono a sopravvalutare la propria capacità di prevedere un risultato futuro impossibile da presumere prima che l’evento si verifichi. La distorsione del senno di poi può indurre un individuo a credere che un evento sia più prevedibile di quanto non sia in realtà e può comportare una semplificazione di scelta. La distorsione del senno di poi è studiata in economia comportamentale.

Comprensione del pregiudizio per il senno di poi

La distorsione del senno di poi è un evento abbastanza comune negli investimenti. L’acquisto di titoli al fine di massimizzare il rendimento può spesso provocare agli investitori il rimpianto di non aver notato, in precedenza, le tendenze. Ad esempio, un investitore può considerare la morte improvvisa e imprevista di un amministratore delegato importante come qualcosa che avrebbe dovuto essere previsto poiché l’amministratore delegato stava avendo gravi problemi di salute.

Il senno di poi e le bolle finanziarie

Le bolle finanziarie sono oggetto di sostanziali distorsioni. Dopo la bolla Dot Com alla fine degli anni ’90 e la Grande recessione del 2008 con i Mutui subprime, molti esperti e analisti hanno cercato di dimostrare come quelli che sembravano eventi banali all’epoca erano in realtà i portatori di futuri problemi finanziari. Se la bolla finanziaria fosse stata così ovvia per la popolazione in generale, sarebbe stata probabilmente evitata del tutto.

Gli investitori dovrebbero prestare attenzione nel valutare in che modo gli eventi passati influenzano il mercato attuale, soprattutto se si considera la propria capacità di prevedere in che modo gli eventi attuali avranno un impatto sulla performance futura dei titoli. Credere di essere in grado di prevedere i risultati futuri può portare a un’eccessiva fiducia e un’eccessiva fiducia può portare alla scelta di titoli non per le loro prestazioni finanziarie ma per motivi personali che naturalmente non possono ritenersi razionali.

Distorsione del senno di poi e valutazione intrinseca

Come accennato in precedenza, la distorsione del senno di poi può allontanare gli investitori da un’analisi più obiettiva. Attenersi ai metodi di valutazione intrinseca può aiutare un’analista a garantire che la decisione di investimento si basi sui dati e non su valutazioni personali. Il valore intrinseco si riferisce alla percezione del valore reale di un titolo, analizzando tutti gli aspetti dell’attività e questo può o meno coincidere con il valore di mercato corrente.

La valutazione intrinseca in genere terrà conto di fattori qualitativi, come il modello di business di una società, insieme a quelli quantitativi (ad es. Rapporti e analisi di bilancio) per determinare se il prezzo di mercato corrente è giusto, se è sopravvalutato o sottovalutato. 

A presto!

Lascia un commento