| by Gianni Gasparetto | No comments

La gestione del rischio nel trading

Intro

La maggior parte dei trader conosce già molti aspetti della gestione del rischio nel trading e perché è importante. Qui, abbiamo mirato a coprire le sfumature meno note della gestione del rischio nel trading, dimostrando varie fonti di perdite. L’articolo è strutturato sotto forma di domande e risposte.

Q / A

D: Qual è il rischio nel trading?

Il rischio è quello di perdere i tuoi soldi fino alla chiusura completa del tuo conto di trading. Ridurre le perdite è almeno altrettanto prezioso quanto aumentare i guadagni.

D: Quali sono le cause delle perdite?

  • Costo del trading
  • Commissioni troppo alte
  • Slippage (soprattutto nello stop loss è la differenza tra il prezzo a cui volevamo uscire e quello effettivamente realizzato)
  • Sfortuna
  • Mancanza di vantaggio competitivo
  • Fonti di perdite oscure / inattese / non considerate.

Di seguito vedi le risposte più dettagliate.

D: La mia commissione è bassa. Vinco o perdo ogni scambio con una probabilità del 50%. Perché dovrei perdere a lungo termine?

Supponiamo di pagare una commissione dello 0,1% e di avere il 50% di probabilità di indovinare correttamente la direzione del prezzo. Dopo aver negoziato 200 volte, perdi ~ 20% del tuo fondo solo con le commissioni. A seconda del tuo stile di trading, puoi anche aggiungere parte dello spread Bid / Ask al costo del trading.

D: C’è qualcosa a che fare con la sfortuna?

In un ambiente così complesso come il trading, ci sono sempre fattori casuali che trattiamo come rumore. Dobbiamo accettare una certa quantità di “sfortuna” (così come la “fortuna”) a causa di questi fattori.

Tuttavia, non dovremmo confonderli con la mancanza di un vantaggio competitivo. Molti di questi fattori casuali non sono affatto casuali. Li trattiamo semplicemente come casuali quando non abbiamo abbastanza dati rilevanti sulle origini di quel “rumore”.

Esempio: sono andato in bagno con una posizione dentro proprio durante l’uscita di dati macroeconomici. Questo, il più delle volte, non si tratta di sfortuna, perché bastava guardare il calendario dei dati alla mattina prima di tradare. Questa è disattenzione.

Q: Come migliorare il mio vantaggio competitivo?

In breve, svelando il più possibile la suddetta “casualità” e rendendola un vantaggio competitivo.

  • Fai trading in quelle aree in cui hai una migliore probabilità di riuscita, tipo il long su aree di supporto o lo short su resistenze.
  • Avere fonti di dati affidabili e applicabili che rendono più trasparenti le mosse di altri operatori.
  • Sviluppa sia la comprensione che la capacità di interpretare quelle mosse con l’aiuto di indicatori, di una strategia di trading automatica o semplicemente con la  visualizzazione data dall’esperienza.
  • Valuta continuamente la probabilità che possa accadere lo scenario peggiore tenendo conto di fattori sia casuali che non casuali.
  • Controlla le emozioni.
  • Non seguire schemi illusori. Come esseri umani, tendiamo a collegare i punti anche tra dati casuali. Il motivo risiede nel confronto costi / benefici: questo errore è meno costoso del mancato riconoscimento della reale opportunità. Ottimizza con attenzione la tua strategia per ottenere un migliore compromesso tra questi due errori.
  • Avere un solido piano di lavoro che fornisce dati necessari e affidabili e consente di seguire le tue decisioni all’istante.

D: Le mie commissioni sono a zero. Vinco o perdo il 10% con una probabilità del 50%. Perché dovrei perdere a lungo termine?

Supponi di investire ogni volta tutto il tuo denaro e di guadagnare o perdere il 10% di esso, ad esempio piazzando stop-loss e prendendo profitto alla stessa distanza. Dopo aver vinto e perso una volta (indipendentemente dall’ordine), il tuo account perde l’1% perché 1,1 * 0,9 = 0,99. Dopo aver vinto e perso 50 volte ciascuno (ancora, non importa in quale ordine), il tuo fondo si ridurrà al 60% del suo valore originale perché 0,99 ^ 50 = 0,6.

Questa fonte di perdite è particolarmente evidente per strumenti finanziari ad alta leva come i futures o il forex. Ad esempio, nel caso del forex con leva x100, se il sottostante cambia dello 0,1%, il conto cambia del 10% e l’esempio sopra diventa applicabile così com’è.

D: Le mie commissioni sono a zero. Il mercato è casuale. Va su / giù con una probabilità del 50%. Perché dovrei perdere a lungo termine?

In tale struttura di movimenti casuali si può provare a fissare un bersaglio con una posizione lunga o corta e attendere fino a quando non viene raggiunto. Quindi ripeterlo ancora e ancora. Tali obiettivi saranno raggiunti? La risposta è sì, in un lasso di tempo elevato. Teoricamente, dato un infinito lasso di tempo, tale obiettivo verrà attraversato un numero infinito di volte.

Tuttavia, applicato al trading, il trucco sta nel avere anche un’infinita quantità di denaro. In pratica, significa che una volta raggiunto lo zero o essere andati in margin call, si è fuori posizione. Pertanto, non sarai lì a raccogliere il profitto quando il prezzo alla fine raggiungerà il tuo obiettivo.

D: Che dire del raddoppio o della “strategia martingala”?

La “teoria” alla base di questa idea è questa: hai il 50% di possibilità di vincere o perdere. Metti in gioco 1 unità. Se vinci, metti di nuovo 1 unità. Se perdi, raddoppi la puntata. Di conseguenza, ogni volta che vinci, copri tutte le perdite precedenti (se presenti) e guadagni anche 1 unità.

A causa del fatto che le scommesse con probabilità 50/50 alla fine devono produrre un risultato desiderabile, sembra una strategia vincente senza sforzo. 

Ecco un esempio che dimostra questa strategia. Iniziamo con un account di 50 unità.

Vinci = 1
Perdere = 0
1 1 0 0 0 0 1 1
Attualmente in gioco 1 1 1 2 4 8 16 1
Saldo del conto 51 52 51 49 45 37 53 54

Ci sono 4 vittorie e, come previsto, abbiamo guadagnato 4 unità. Questa strategia è popolare a causa dell’errore del giocatore noto anche come errore Monte Carlo. È una falsa convinzione che la natura “bilancerà” i risultati in base alla probabilità attesa e quindi la probabilità di un risultato specifico (ad esempio, vincere) aumenta quando non si verifica per molto tempo.

Tuttavia, come puoi vedere in questo esempio, se ci fosse un’altra perdita di fila, saremmo senza soldi dopo solo cinque perdite. 

Vinci = 1
Perdere = 0
1 1 0 0 0 0 0 0
Attualmente in gioco 1 1 1 2 4 8 16 32
Saldo del conto 51 52 51 49 45 37 26 KO

Più è ampio il tuo patrimonio e più tempo ci vuole per perdere tutti i tuoi soldi, ma alla fine accadrà. Nel trading reale ci sono anche altre forze non casuali che possono bilanciare o sbilanciare i risultati, ma non dovrebbero essere confusi con questo errore.

Q: Ho scelto la strategia di trading più performante su 1000. Perché perderebbe in futuro?

Una domanda importante da porsi è: “Perché ha funzionato così bene in passato?”. Se non hai una risposta chiara, probabilmente perderà in futuro a causa di fenomeni chiamati regressione verso la media.

Ecco un esempio: immagina che ci sia un grande gruppo di N trader. Tutti tradano su conti reali e condividono le loro azioni  e i risultati in tempo reale. Ti viene offerto di scegliere un vincitore in base ai tuoi criteri (ad esempio, Rapporto di Sharpe, Drawdown massimo o Profitto massimo, ecc.). Puoi anche seguire le sue azioni di trading manualmente o anche automaticamente.

Questo è un modello di eToro, per esempio. Mettiamo da parte un importante fattore di slippage, consideriamo zero commissioni e nessun altro costo di negoziazione. Tuttavia, se non vi è alcuna spiegazione fondamentale del perché quel vincitore sia stato il vincitore, molto probabilmente le sue prestazioni future peggioreranno.

Per spiegare il motivo, immagina che al posto di N trader umani ci siano N trader di scimmia che hanno avuto accesso ai pulsanti di trading. Ovviamente, non ci aspettiamo che tutti raggiungano le stesse prestazioni. Invece, ci sarà una distribuzione dei risultati di scambio di una scimmia in cui alcuni di essi sono negativi, ma alcuni positivi.

Anche se fissiamo criteri molto severi per i risultati passati del vincitore, dato un numero sufficiente di scimmie troveremo alcuni che soddisfano tali criteri. Più scimmie abbiamo, migliore sarà la prestazione del migliore di loro. Ma poiché la particolare scimmia vincitrice non ha eccezionali capacità di trading, molto probabilmente otterrà risultati peggiori nella prossima sessione di trading.

Stessi fenomeni si verificheranno quando invece di seguire “il miglior trader” abbiamo scelto una strategia di trading automatica tra loro. Inutile dire che una strategia di trading che ha troppi parametri ottimizzati su dati storici, soffre di un problema simile.

Riassumendo, senza una ragionevole giustificazione del perché una strategia di trading abbia funzionato bene in passato, non c’è motivo di credere che funzionerà bene anche in futuro.

D: La mia strategia di trading ha ragioni fondamentali per funzionare bene. Perché avrebbe funzionato peggio in futuro rispetto ad oggi?

Il mercato tende sempre all’equilibrio. Trovare una strategia di trading redditizia significa avere un ROI elevato (ritorno sull’investimento) degli sforzi per svilupparlo, implementarlo ed eseguirlo. Ironia della sorte, un ROI così elevato è anche chiamato inefficienza del mercato. Ma queste opportunità attraggono altri investitori che aumentano la concorrenza e rendono il mercato più “efficiente” raggiungendo l’equilibrio.

Le inefficienze sono redditizie e funzionano finatano…che nnon diventano efficienti!

D: Posso ridurre il rischio utilizzando gli ordini take profit (TP) e stop loss (SL)?

Questo aiuta a limitare la perdita massima di ogni operazione, ma a lungo andare il risultato dipende dal tuo vantaggio competitivo. Il prezzo raggiungerà infine TP o SL. In un quadro di camminata casuale la probabilità di raggiungere TP prima di SL è data da SL / (TP + SL) e la probabilità di raggiungere SL prima di TP è 1 – SL / (TP + SL) = TP / (TP + SL) .

Ad esempio, se impostiamo TP = 20 tick e SL = 10 tick. Se il prezzo si muove in modo casuale, raggiungerà il TP prima dello SL con una probabilità di 10 / (20 + 10) = ⅓ = 33,3%. Affinché il tuo trading sia redditizio a lungo termine, devi raggiungere il TP prima dello SL in oltre il 33,3% delle tue negoziazioni. In altre parole, avere prestazioni migliori di quelle che ci si aspetta da una decisione casuale.

Il rischio aggiuntivo di utilizzare ordini SL consiste nel far scattare i vostri stop appena prima che il prezzo si sposti nella direzione che avevate preventivato (caccia agli stop). La maggior parte dei trader ha avuto questa spiacevole esperienza spesso definita “sfortuna”, il che è in parte vero, ma a volte ciò è causato da grandi trader che hanno sanno dove si trovano le concentrazioni di ordini Stop. Questo dà loro l’opportunità di innescare quegli ordini e tradare contro di essi.  

Inoltre, per l’attivazione dello SL, è necessario un solo trade (perché di solito è un ordine al meglio). Invece nel caso del TP, essendo un ordine su un “limite di prezzo” non eseguiranno il tuo come primo, ma andrai in coda a quelli gia posizionati sul book. Questo è il motivo per cui i grandi trader inseriscono gli ordini in anticipo, proprio per ottenere un posto migliore o una priorità più alta sul book.

Lascia un commento