| by Gianni Gasparetto | No comments

Ambiguity effect – Effetto ambiguità

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

L’ effetto ambiguità è un pregiudizio cognitivo in cui il processo decisionale è influenzato dalla mancanza di informazioni o “ambiguità”. L’effetto implica che le persone tendono a selezionare opzioni per le quali è nota la probabilità di un risultato favorevole, rispetto a un’opzione per la quale non è nota la probabilità di un risultato favorevole. L’effetto fu descritto per la prima volta da Daniel Ellsberg nel 1961.

Esempi 

Mutuo a tasso fisso VS tasso variabile

Al momento dell’acquisto di una casa, molte persone scelgono un mutuo a tasso fisso, in cui il tasso di interesse è fissato nella pietra, rispetto a un mutuo a tasso variabile, in cui il tasso di interesse fluttua con il mercato. Questo è il caso anche se è stato dimostrato statisticamente che un mutuo a tasso variabile consente di risparmiare denaro.

Palline rosse, nere o bianche

un altro esempio:
considera un secchio contenente 30 palline. Le palle sono rosse, nere o bianche.
10 palline sono rosse e le restanti 20 sono bianche o nere, con tutte le combinazioni di bianco e nero ugualmente probabili.
Nell’opzione X, pescare una palla rossa si vince $ 100,
anche nell’opzione Y, pescare una palla nera si vince $ 100
La probabilità di scegliere una palla vincente è la stessa per entrambe le opzioni X e Y. Nell’opzione X, la probabilità di selezionare una palla vincente è 1 su 3 (10 palle rosse su 30 palle totali). Nell’opzione Y, nonostante il numero di palle nere sia incerto, la probabilità di selezionare una palla vincente è anche 1 su 3. Questo perché il numero di palle nere è equamente distribuito tra tutte le possibilità tra 0 e 20. La differenza tra le due opzioni è quella nell’opzione X,

Nonostante la pari probabilità di un risultato favorevole, le persone hanno una maggiore tendenza a selezionare una palla dell’opzione X, dove la probabilità di selezionare una palla vincente è percepita come più certa. L’incertezza sul numero di palline nere significa che l’opzione Y tende a essere vista in modo meno favorevole. Nonostante il fatto che ci possano essere il doppio delle palle nere rispetto alle palle rosse, le persone tendono a non voler correre il rischio opposto che ci possano essere meno di 10 palle nere. L’ambiguità dietro l’opzione Y significa che le persone tendono a favorire l’opzione X, anche quando la probabilità è la stessa.

Negli investimenti

Un esempio più realistico potrebbe essere il modo in cui le persone investono denaro. Un investitore avverso al rischio potrebbe tendere a investire i propri soldi in investimenti “sicuri” come titoli di stato e depositi bancari, al contrario di investimenti più volatili come azioni e fondi . Anche se è probabile che il mercato azionario fornisca un rendimento significativamente più elevato nel tempo, l’investitore potrebbe preferire l’investimento “sicuro” in cui è noto il rendimento, anziché il mercato azionario meno prevedibile in cui il rendimento non è noto. 

Nel mondo del lavoro

L’effetto ambiguità è una possibile spiegazione del motivo per cui le persone sono riluttanti ad adottare nuove pratiche sul posto di lavoro.

È umano evitare la conoscenza ambigua – assumere che le cose siano conoscibili quando non lo sono. Questo è legato all’illusione del clustering (o raggruppamento). Quando viene presentato con grandi quantità di variabili tali da confondere, le persone tendono ancora a rivendicare la conoscenza dell’inconoscibile. Questo produce dissonanza cognitiva che, se evitata, porta le persone a cercare di cambiare sede in qualcosa con più certezza.

Spiegazione 

Una possibile spiegazione dell’effetto è che le persone hanno una regola empirica (euristica) per evitare opzioni in cui mancano informazioni. Questo spesso li porta a cercare le informazioni mancanti. In molti casi, tuttavia, le informazioni non possono essere ottenute. L’effetto è spesso il risultato del richiamo di una particolare informazione mancante all’attenzione della persona.

Lascia un commento