| by Gianni Gasparetto | No comments

L’investitore irrazionale e la finanza comportamentale

La finanza comportamentale ha un interesse particolare in argomenti come l’avversione alla perdita e la mentalità dell’effetto gregge

Le persone sane spendono i loro soldi nei modi più folli. Ci sono collezionisti di cose assurde come i pannolini oppure persone che riempiono il loro giardino di nanetti o che arreda la casa con pezzi improponibili di design.

E la strana connessione di comportamento finanziario non si ferma certamente con i consumatori.

Benvenuti nel mondo della finanza comportamentale, dove accademici, ricercatori e osservatori del mercato si sforzano di collegare il comportamento degli investitori, delle forze che guidano quel comportamento e l’impatto che esso hanno sui profitti. Qui l’esuberanza irrazionale e il suo gemello malvagio, l’ansia irrazionale , si guadagnano il loro debito nel mondo razionale e statistico di relazioni trimestrali , utili per azione e capitalizzazione di mercato.

Avversione alla perdita ed Effetto gregge

Due temi caldi nella finanza comportamentale includono, come già accennato, all’avversione alla perdita e alla mentalità del gregge. 

Bill Van Sant, vicepresidente senior e amministratore delegato di Girard Partners, una società Univest Wealth Management afferma che:

Il primo è anche “Il comportamento più comune e irrazionale tra gli investitori e consiste nel vendere un titolo dopo che ha perso tanto denaro e / o quando il sentimento generale degli investitori è debole (effetto gregge).”

“Quella decisione – secondo Van Sant – spesso deriva dalla paura e non tiene conto di comportamenti razionali come capire se i fondamentali dell’investimento sono cambiati, se i miei obiettivi sono cambiati, ecc. Lo stesso si può dire per l’acquisto: molti investitori acquistano sui massimi e vendono sui minimi “.

Ciò si inserisce perfettamente nella mentalità del gregge. 

Il Bias del ticher

Il bias del ticher l’ho coniato io. Non sapevo come chiamare quel fenomeno frustrante per cui un giocatore di tennis con un nome eroico come, ad esempio, Roger Federe, ottiene sempre più rispetto di qualcuno chiamato, ad esempio, Gianni Gasparetto. Perchè?

E che ci crediate o no, in finanza, alcuni investitori scelgono i titoli in base all’ordine alfabetico. Secondo la ricercatrice  Jennifer Itzkowitz, professoressa alla Stillman School of Business della Seton Hall University, e suo marito, Jesse, che insegna alla Sy Syms School della Yeshiva University affermano:

“Proprio come scegliere” AAA Best Plumber “dalle Pagine Gialle, le persone che guardano le azioni spesso investono in aziende che hanno nomi o ticker che appaiono all’inizio dell’alfabeto” dice.

Ora sai perché Google (ticker: GOOG , GOOGL ) ha cambiato il suo nome in Alphabet!

Itzkowtiz lo indica anche come il fenomeno della “fluidità del nome del titolo”, cioè la facilità con cui è possibile pronunciare il nome o il simbolo di un titolo. “Ciò influenza anche il trading”, afferma. “Inoltre, l’importo che una società spende per la pubblicità aiuta le persone a ricordare i nomi delle società e questo influenza il trading azionario, determinando decisioni irrazionali.”

In termini di approccio degli investitori, le analisi ai pregiudizi comportamentali possono aiutare le persone a prendere decisioni intelligenti prima di inciampare, afferma Paul Bolster, professore di finanza presso la D’Amore-McKim School of Business della Northeastern University.

“I modelli di allocazione patrimoniale semplici assumono la forma di un questionario”, afferma Bolster. “Le risposte sono ponderate e aggregate in un punteggio che a sua volta si traduce in una risposta su dove allocare i capitali. … Pensa a questi modelli come dotati di un elastico. Un investitore può portarli verso una posizione estrema, ma il modello non li incoraggerà ad andare fino al bordo, riportandoli al centro.”

La sicurezza del noto

Tuttavia, gli investitori spesso mettono in discussione i questionari e vanno per la propria strada, anche se fonti autorevoli e i risultati stessi dei test vanno contro le loro scelte.

“La nostra propensione verso il familiare è il motivo per cui molte persone investono la maggior parte del loro denaro in settori che ritengono di conoscere meglio piuttosto che in un portafoglio adeguatamente diversificato”, afferma Benjamin Sullivan, pianificatore finanziario e gestore di portafoglio con Palisades Hudson Financial Group e con sede in Austin, Texas. “Il noto ci da un senso di sicurezza; l’ignoto di rischioso.”

E per quanto riguarda il comportamento insensato degli Amministratori Delegati o CEO, pochi riescono a individuare gli specchi meglio di Ted Prince in base alle sue esperienze passate nei consigli di amministrazione delle aziende:

“Sono stato presente ad una serie di assunzioni di Amministratori Delegati e quando ne assumi uno nuovo pensi sempre che sia Gesù Cristo”, dice“Ma un anno dopo lo stai licenziando e regolarmente inizi a chiederti perché tu avessi scelto lui.”


La “distorsione dello status quo”

Il lavoro di finanza comportamentale che Prince sta studiando lo ha portato a sviluppare qualcosa che chiama “Cognitive Alpha” – un modo per prevedere in che modo la chiamata di un certo CEO influirà sul profitto degli azionisti . Per cominciare, “La finanza comportamentale ha escogitato centinaia di termini per la distorsione, ma un termine che trovo appropriato è la distorsione dello status quo“, afferma.

Ecco cosa significa Prince: “La maggior parte delle persone non vuole tentare nuove strade ma se rompi gli schemi e produci cose nuove, ottieni enormi riconoscimenti dal mercato (con incremento di prezzo delle azioni)”, dice. “L’iPhone è un ottimo esempio. Lo status quo bias ti dà un’idea di quale sarà l’impatto sul margine lordo e possiamo misurarlo.”

Dall’altro lato della medaglia, Price vede una “illusione di parzialità del controllo”. “La maggior parte dei leader tende a pensare:” Più soldi spendo, più controllo la situazione “– e pochissime persone si sentono in questo modo se spendono meno. Se possiamo misurare l’illusione del pregiudizio di controllo psicometricamente, possiamo avere un’idea di quali saranno le spese “, dice.

Sottrai le spese dal margine lordo e, voilà: “Hai un profitto operativo. Quindi riesco a capire il rapporto prezzo-utili e il prezzo-vendite e posso prevedere la valutazione della tua azienda.”

Quindi, se i CEO, gli investitori e i loro colleghi possono cadere in preda ai loro pregiudizi e predilezioni, che cosa si deve fare? Bene, potrebbero ascoltare qualcun altro. Ma…

Sullivan riassume bene il dilemma: “Gli investitori sono costantemente colpiti da suggerimenti di amici, parenti, forum su Internet, notizie, ecc.”, afferma. “Ma seguire ciecamente i consigli è dannoso per la tua ricchezza.”

In conclusione

“L’unica cosa da fare”, aggiungo io “è crearsi una coscienza finanziaria, e una conoscenza psicologica sugli errori da evitare”

A presto.

Lascia un commento