| by Gianni Gasparetto | No comments

Avversione all’ambiguità: investire in condizioni di incertezza

L’incertezza non è un rischio

Una grande quantità di sforzi nei circoli finanziari viene spesa nel tentativo di misurare e gestire il rischio. 

Fondamentalmente il rischio che non può essere quantificato non è realmente un rischio, perché a meno che non si possa “misurare numericamente”, non esiste davvero. 

Forse dovremmo applicare la stessa idea ai deficit di bilancio. 
Nel lontano 1921 l’economista Frank Knight abbandonò tali idee in quanto ingannevoli.  Nella sua opinione, un qualsiasi sistema che coinvolgesse gli umani era troppo imprevedibile per essere analizzato con formule numeriche. 

Ciò che Knight ha identificato è stata la differenza tra rischio misurabile e incertezza non misurabile. Tuttavia, ci voleva un uomo con una grande determinazione per mostrare esattamente quanto profondamente radicata nella psiche umana sia la natura fondamentale dell’incertezza. 

Estrapola se ne hai coraggio

A detta di tutti, Knight era profondamente cinico nei confronti della natura umana, al punto da liquidare come inutili i tentativi della maggior parte degli economisti di sviluppare tecniche di previsione sulla base di dati storici. Estrapolare dal passato il futuro era sempre destinato a finire in un fallimento, perché alcune cose – specialmente quelle che coinvolgono le persone – sono intrinsecamente imprevedibili. Nello specifico, Knight distingue tra rischio – che puoi misurare – e incertezza – che non puoi misurare.

Per la maggior parte gli investitori ignorano l’incertezza. Il che non è sorprendente, perché lo è anche la maggior parte degli investimenti. Generalmente le persone operano sulla base del fatto che esiste un rischio misurabile negli investimenti, ma che se si è ragionevolmente attenti a come si investe, si può mitigare questo. Le condizioni di domani saranno le stesse di ieri, quindi possiamo operare sulla base del fatto che ciò che ha funzionato ieri funzionerà anche domani.

Quando tutto cambia e l’incertezza rialza la testa, ci ritroviamo persi. 

Le “conoscenze” date dalle indicazioni storiche spariscono e ci troviamo ad investire in condizioni di incertezza. La nostra reazione a questo è piuttosto interessante e spiega i crolli del mercato azionario. Si scopre che la maggior parte di noi è estremamente avversa all’ambiguità che tali situazioni generano e la nostra opzione preferita è quella di scappare il più rapidamente possibile. 

Le Urne siamo noi

Il classico esperimento che lo dimostra è stato riportato da Daniel Ellsberg nel 1961. L’esperimento è semplice ma la spiegazione è contorta. Quindi abbiate pazienza.

Ellsberg offrì ai suoi partecipanti una scelta di due urne ciascuna delle quali conteneva 100 palline. L’urna A conteneva 50 palline rosse e 50 nere. L’urna B conteneva una miscela sconosciuta di palline rosse e nere. Ad ogni persona è stato chiesto di prendere due decisioni: in primo luogo scegliere quale sfera di colore volessero scegliere e in secondo luogo scegliere da quale urna scegliere. 

Entrambe le decisioni erano sotto il controllo dei soggetti. 

Una maggioranza significativa dei partecipanti scelse l’Urna A, quella con lo stesso numero di palline rosse e nere. Eppure questo crea un paradosso, che è il genere di cosa che eccita molto gli psicologi e richiede che i tranquillanti siano amministrati dagli uomini in camice bianco – agli uomini in camice bianco.


Il paradosso dell’ambiguità di Ellsberg

Il paradosso dell’ambiguità di Ellsberg

Diciamo che hai scelto il rosso e poi l’urna A.
Sai che hai una probabilità del 50% di ottenere una palla rossa. 

Logicamente questo significa che pensi che se avessi scelto l’ Urna B avresti meno del 50% di probabilità di ottenere una palla rossa.

Tuttavia, ciò significa che se scegli l’urna B pensi di avere una probabilità superiore al 50% di ottenere una palla nera.

Ciò significa che avresti dovuto scegliere il nero e l’urna B, non il rosso e l’urna A.

A quel punto il paradosso si afferma. 

I nostri cervelli si sforzano di vedere questo come un paradosso: la maggior parte delle persone sceglierà l’urna A e insisterà sul fatto che è meno rischioso farlo. Ma non lo è: la probabilità di selezionare una palla rossa dall’urna B è esattamente uguale alla probabilità di selezionare una palla rossa dall’urna A.

Il rischio è lo stesso, ciò che differisce è l’incertezza.

Si scopre che gli umani sono estremamente inclini a operare in condizioni di incertezza a meno che non sia assolutamente necessario. Preferiamo di gran lunga un rischio definito a uno indefinito. Generalmente questa viene definita avversione all’ambiguità

Meno incertezza, stesso risultato

Piuttosto che accettare semplicemente i risultati e buttare via i loro bei modelli, gli economisti hanno proposto una serie di ipotesi per salvare gli approcci classici al rischio. Uno è che le persone si aspettano naturalmente l’inganno da parte degli sperimentatori, quindi presumono che l’Urna B sia truccata contro di loro. Un altro è che le persone semplicemente non riescono a capire le probabilità di Urna B perché ci sono troppi dati e optano quindi per la scelta “sicura”.

Le dimensioni non contano.

Pulford e Coleman hanno iniziato a studiare queste idee. 
Sorprendentemente il loro esperimento mostra che l’avversione all’ambiguità si applica anche quando ogni urna contiene solo due palline
Ciò suggerisce abbastanza fortemente che l’unico fattore coinvolto in questo è l’odio umano per l’incertezza nella scelta. 

Urne dinamiche, mercati del terrore

Bello e teorico, anche se si potrebbe ragionevolmente chiedersi cosa abbia a che fare con il mondo reale degli investimenti o  della vita. 

La risposta è, in parole povere, tutto!

Il nostro odio per l’incertezza può spingerci verso ogni sorta di comportamento esternamente irrazionale quando l’ambiguità nascosta inerente a molti processi decisionali viene improvvisamente resa chiara.

A differenza delle urne di Ellsberg, il mondo reale degli investimenti azionari è un processo dinamico in cui le palle che estraiamo dai barattoli vengono costantemente sostituite. In condizioni normali se ritiriamo una palla rossa una nuova palla rossa la sostituisce. Con il tempo ci aspettiamo una certa proporzione di palline rosse e nere – vincitori e perdenti. Istintivamente modelliamo il rischio ma lo facciamo in condizioni di certezza presunte. Palla rossa fuori, palla rossa dentro. Campioniamo il passato e prevediamo il futuro.

Quando la casualità, che è incertezza, ci colpisce, i nostri istinti non ci sono utili. Improvvisamente la nostra palla rossa viene sostituita casualmente da qualcos’altro. La nostra reazione iniziale a questo è di presumere che sia un errore e di continuare a procedere come se i nostri modelli interni funzionassero ancora. Tuttavia, quando diventa chiaro che le nostre assunzioni di certezza si sono guastate, allora entra in gioco l’avversione dell’ambiguità: odiamo l’incertezza e ne scappiamo.

Il mercato azionario inizia a traballare per poi crollare. 

Ambiguità e sicurezza eccessiva

Anche gli investitori esperti potrebbero non riconoscere l’inizio dell’incertezza. I crolli dei mercati azionari negli anni ’70, quando il mondo annaspava sotto crisi
multiple, potevano sembrare un altro di quei casi. L’improvviso riconoscimento di problemi che in precedenza non erano stati evidenti – preoccupazioni per l’approvvigionamento di petrolio, leader mondiali corrotti, ecc. – portò ad una serie di reazioni tra cui, ironicamente, i primi tentativi di costruire modelli di gestione del rischio per proteggersi da tali eventi futuri. L’ironia, ovviamente, è che questi modelli hanno finito per contribuire ai problemi perché non possono catturare la natura dell’incertezza.

C’è chi ha scelto l’Urna B

È interessante notare che gli studi sull’avversione all’ambiguità mostrano un chiaro e coerente equilibrio tra coloro che scelgono la certezza dell’urna A e l’incertezza dell’urna B.

Circa il 20-30% delle persone abbraccia l’opzione incerta: ci sono persone che istintivamente vedono opportunità nell’incertezza ed hanno fretta di approfittarne. 

Gli studi sugli imprenditori, ad esempio, mostrano che tendono a essere molto meno preoccupati di operare in condizioni di incertezza rispetto al resto della gente. Certo, può darsi che siano significativamente più fiduciosi e illusi di tutti gli altri, ma la ricerca non dice nulla su questo. 

La certezza è un’illusione

L’idea che il futuro non sia prevedibile va contro gli ultimi quattrocento anni di progresso umano, in gran parte basato sull’idea che possiamo prevedere e quindi controllare ciò che deve ancora accadere. Tuttavia, se fosse diversamente, le nostre vite sarebbero molto meno ricche in termini di esperienza. Sapere con certezza cosa porterà il domani sarebbe piuttosto noioso, non credete? 

Per quanto riguarda gli investitori, dobbiamo imparare che l’incertezza e l’ambiguità inseguono ogni nostro passo. 

A presto.

Lascia un commento