| by Gianni Gasparetto | No comments

L’età ti rende più felice e… più povero!

Strategie di elusione

Con il passare degli anni le persone sono sempre più riluttanti ad esporsi a fonti di informazioni negative o ad affrontare lo stress emotivo. Quindi i notiziari, le soap opera e tutto ciò che un critico cinematografico potrebbe considerare emotivamente coinvolgente, vengono allontanati e rifiutati dalle persone di una certa età.

Non si tratta di essere antisociali, ma è un cambiamento delle preferenze comunemente osservato in relazione all’età. Per scelta, le persone anziane eviteranno tutto quello che ritengono negativo. Il che spiega molte cose, incluso il motivo per cui le suore anziane tendono ad essere più felici e perché dovremmo evitare di dover fare qualcosa di difficile, come pensare o investire attivamente, dopo aver raggiunto i 70 anni.

Effetto Suora infastidita

L’ effetto positivo legato all’età è la scoperta che le persone anziane preferiscono concentrarsi su cose che le fanno sentire bene, piuttosto che il contrario. I giovani tendono a cercare di raccogliere nuove informazioni, ma quando si invecchia e l’orologio inizia a scandire sempre più forte il tempo, la preferenza è quella di massimizzare il sentirsi bene piuttosto che pensare in modo intelligente.

Per provare questo teoria, Quinn Kennedy, Mara Mather e Laura Carstensen  andarono a disturbare un gruppo di suore, che avevano già risposto, 14 anni prima, ad alcuni questionari su argomenti correlati. Scoprirono che le suore più giovani diventavano più scontrose quando le si incalzavano sui dettagli autobiografici, rispetto alle sorelle maggiori. Questo si allinea con un altro studio che mostrò che le persone anziane evitano attivamente di partecipare a informazioni negative :

“Questa distorsione dell’attenzione è coerente con il benessere emotivo, generalmente migliore, degli adulti più anziani e con la loro tendenza a ricordare meno le informazioni negative di quelle positive.”

Riduzione degli orizzonti degli eventi

L’indizio di questo comportamento è nell’affermazione sul benessere emotivo: le persone anziane tendono ad essere migliori nell’autoregolazione emotiva e parte del modo in cui lo fanno è evitare di esporsi alle informazioni che li sconvolgono. Ciò significa che è improbabile che cerchino informazioni che contraddicono le loro opinioni esistenti: in America dicono che: “né i democratici né i repubblicani in pensione lasciano che fastidiosi fatti cambino le loro convinzioni.”

Il suggerimento è che questo cambiamento nel comportamento è guidato da un cambiamento nell’aspettativa di orizzonti temporali futuri. O per essere più schietto, sei sempre meno infastidito dalla pianificazione a lungo termine e sempre più preoccupato per la soddisfazione a breve termine più ci si avvicina alla morte.

Quindi quello che ci si potrebbe aspettare da tutto ciò è che le persone anziane prenderanno decisioni peggiori. Dopo tutto, se non sei disposto a esporti a informazioni contraddittorie, stai chiudendo fonti di dati potenzialmente preziose. Tuttavia, la ricerca suggerisce sempre più che il declino delle capacità cognitive associate all’invecchiamento è compensato da una combinazione di migliori capacità di problem solving e maggiore autocontrollo emotivo. 

Problem Solvers “invecchiato”

In sostanza, le persone anziane hanno una gamma più ampia di strategie per affrontare le situazioni che si trovano ad affrontare e sanno gestire meglio i propri sentimenti al fine di raggiungere i risultati desiderati. Come espresso da Fredda Blanchard-Fields in Everyday Problem Solving and Emotion (Emozione e risoluzione del problema quotidiano):

“Gli adulti più anziani hanno maggiori probabilità dei giovani adulti di combinare (a) azioni direttamente indirizzate alla fonte dei loro problemi con (b) strategie di regolazione delle emozioni che attenuano lo stress psicologico. Ciò suggerisce che quando si devono risolvere i problemi quotidiani gli adulti più anziani mostrano emotivamente un aspetto più maturo ed una maggiore complessità, flessibilità e funzionamento del  previsto “

Quindi forse questo maggiore distacco emotivo e una più ampia gamma di strategie potrebbero aiutare gli investitori più anziani a compensare il declino cognitivo? 

Sicuramente, ma solo fino a un certo punto. Il punto è quello dei 70 anni.

La scogliera dell’investimento cognitivo

Nel articolo Gli investitori più anziani prendono migliori decisioni di investimento?”  gli autori George Korniotis e Alok Kumar scoprirono che gli investitori più anziani hanno un’euristica decisionale migliore rispetto a quelli più giovani. Scoprirono anche che gli investitori più anziani hanno portafogli meglio diversificati, fanno operazioni di trading (o comunque investimenti) meno frequentemente e sono generalmente meno influenzati dalla propensione al comportamento. 

Tutti questi aspetti sono inequivocabilmente buone qualità per un investitore.

Sfortunatamente, gli investitori più anziani continuano a ottenere prestazioni molto peggiori, il che è piuttosto deludente, dato che sembrano fare le cose giuste:

“Coerentemente con le prove psicologiche, scopriamo che gli investitori più anziani mostrano una peggiore capacità di selezione dei titoli e una scarsa capacità di diversificazione. La relazione età-abilità ha una forma a U invertita e, inoltre, l’abilità si deteriora nettamente intorno ai 70 anni”

Fondamentalmente non importa quanto sei immune ai pregiudizi comportamentali, se non riesci effettivamente a selezionare investimenti decenti e stai sottoperformando il mercato con una perdita media che va dal 3% al 5% all’anno.

Quando i fatti cambiano …

Korniotis e Kumar suggeriscono non irragionevolmente che questo declino è direttamente correlato all’aumento del deterioramento cognitivo, ma sembra probabile che ci sia anche un collegamento con una crescente riluttanza da parte degli investitori più anziani a esporsi a informazioni negative. Sono tutti favorevoli a lasciare correre i profitti degli investimenti, ma non sono aperti alla possibilità che i fatti possano cambiare e che il mercato possa girare.

Le imprese, per quanto eccezionali e che generano rendimenti superiori alla media, di solito continueranno a farlo per anni e anni, ma non per sempre, perché alla fine anche le migliori aziende incontreranno qualche tipo di problema. A volte questi problemi bruciano tutto il rialzo che ha permesso loro di ottenere rendimenti eccezionali.

Nel frattempo la maggior parte dei nostri investimenti non genererà rendimenti in eccesso o se sì non lo farà per molto tempo. 

Ritorno di fiamma

Tuttavia, se sei un vecchio investitore che si regola emotivamente e che rifugge le informazioni avverse, la tua posizione è quella di non fare questo tipo di analisi. In effetti, come abbiamo visto nelle “teorie sugli investimenti del Backfiring” se non riesci a credere nella possibilità di un risultato negativo, non puoi nemmeno iniziare ad elaborare cognitivamente tali informazioni, per cui le ignori.

Se aggiungi questa avversione alle informazioni negative all’indubbio declino cognitivo che colpisce tutti noi con gli anni non è difficile capire perché i rendimenti degli investimenti inizino a diminuire. Quasi sicuramente gli investitori più anziani starebbero meglio se gestissero un portafoglio passivo (anche se, ad essere onesti, è una strategia che potrebbe essere utile a tutti gli investitori).

Se invece non riesci a farlo allora devi continuare ad esercitare la materia grigia e affrontare le sfide del mondo reale degli investimenti.

Affronta la paura

Quindi, in sintesi, l’effetto della positività legata all’età prevede che le persone di età pari o superiore a settanta anni generalmente eviteranno qualsiasi notizia che contraddica le loro opinioni esistenti e prenderà decisioni sempre più povere sulla base di informazioni obsolete o distorte. L’impatto sugli investimenti di tali decisioni è significativo. 

Certo, se sei una suora che non ha bisogno di preoccuparsi di un portafoglio azionario, allora una graduale discesa in un mondo felice e claustrale di positività perpetua va bene, altrimenti devi davvero affrontare le tue paure e affrontare i fatti come sono, piuttosto che come vuoi che siano. 

L’alternativa è la povertà, o peggio. A Presto!

Lascia un commento