| by Gianni Gasparetto | No comments

La psicologia ti migliora i guadagni

Come l’utilizzo della psicologia nel settore finanziario migliori i guadagni degli investitori

L’applicazione della psicologia alla finanza può aiutare gli investitori a ridurre l’impatto delle proprie emozioni sulle decisioni di investimento, migliorare i guadagni e ridurre le perdite.

“Il principale problema dell’investitore – e anche il suo peggior nemico – rischia di essere se stesso.” Così scrisse l’economista americano del ventesimo secolo Benjamin Graham, in quella che è diventata una fonte di ispirazione per molti investitori, tra cui Warren Buffett, e una dichiarazione che risuona fortemente nell’ambiente attuale.

“In un contesto caratterizzato da tassi di interesse persistentemente bassi, la ricerca di rendimento si traduce in maggiori investimenti in titoli azionari. Gli investitori vogliono rendimenti più elevati, ma non vogliono assumersi più rischi per raggiungerli. “

afferma Béatrice Belorgey, CEO di BNP Paribas Banque Privée e Presidente di B * capital

Allo stesso tempo, periodi più frequenti di instabilità e alta volatilità nei mercati azionari creano una forte avversione al rischio. In una tale situazione, il processo decisionale è probabilmente più emotivo che razionale. Gli investitori possono diventare più reattivi agli eventi a breve termine e perdere di vista i loro obiettivi a lungo termine. Sono guidati più dagli eventi del mercato che dalle loro priorità.

“Ecco perché è così importante fornire a ciascuno dei nostri clienti una guida completa. Questo include ovviamente competenze finanziarie, ma anche una consapevolezza della finanza comportamentale “

ha spiegato Belorgey.

La psicologia umana

La teoria finanziaria classica presuppone che gli investitori siano razionali. Ma un investitore razionale, uno che prende decisioni senza alcuna interferenza emotiva, esiste solo in teoria. In realtà, le decisioni di ogni individuo e i comportamenti a rischio sono influenzati dalla propria psicologia, dalle proprie emozioni e dall’esperienza personale.

La psicologia umana ha un impatto importante sul comportamento degli investitori. Secondo Dalbar, studi recenti hanno suggerito che ha un impatto negativo di circa il 3% sulle prestazioni del portafoglio. È sufficiente raddoppiare il tuo investimento iniziale in 20 anni.

Gli investitori sperimentano stati emotivi altamente variabili. Possono passare dall’ottimismo o dall’entusiasmo allo sconforto o al panico. E le rapide fasi di accelerazione o decelerazione del mercato accentuano solo le emozioni e gli stati psicologici degli investitori. Pertanto, la conoscenza della psicologia dell’investitore può aiutare tutti a essere più lucidi e cercare obiettivi di investimento con maggiore calma.

Questo è ciò che viene chiamato ‘finanza comportamentale’, o l’applicazione della psicologia alla finanza. Il campo è decollato con lo sviluppo della teoria del prospetto nel 1979, dallo psicologo ed economista americano Daniel Kahneman, vincitore del premio Nobel per l’economia nel 2002, in collaborazione con lo psicologo Amos Tversky.

Distorsione attiva

È importante che un investitore sia consapevole dei pregiudizi comportamentali, in modo che possa tentare di limitarli e diventare più capace nel raggiungere i propri obiettivi, specialmente in termini di assunzione di rischi.

Tali pregiudizi sono numerosi, ma possiamo comunque nominarne alcuni che dovrebbero essere familiari a quasi tutti. 
Un pregiudizio è la resistenza al cambiamento, che spinge gli investitori a vedere qualsiasi nuovo sviluppo come fattore di rischio aggiuntivo, anche se è positivo.
Un altro è l’avversione al rimpianto, in cui gli investitori si astengono dal prendere provvedimenti per timore di commettere un errore. Questi due pregiudizi riducono la capacità di risposta dell’investitore e possono trattenerli dal cogliere le opportunità che si presentano.

Il bias del recency riflette la naturale tendenza a guardare solo alle recenti performance del mercato. In questo caso, il rischio consiste nel trarre conclusioni affrettate sulla base dei risultati degli ultimi giorni invece di analizzare le tendenze a lungo termine.

Non c’è carenza di esempi; il 2015/2016 è stata un’illustrazione perfetta.
Le forti flessioni dei mercati finanziari europei  hanno probabilmente portato molti investitori a ridurre la loro esposizione. Tuttavia, un’analisi a lungo termine ha concluso che si è trattato solo di una temporanea interruzione di una tendenza al rialzo a lungo termine.

I pregiudizi comportamentali tendono anche ad aumentare i rischi assunti da un investitore riducendo la diversificazione dei mercati finanziari. Si possono osservare diversi tipi di pregiudizi:

  1. un investitore può avere la tendenza a ridurre le proprie posizioni durante i minimi di mercato a causa della paura,
  2. oppure può accadere il contrario, con gli investitori che superano la loro tolleranza al rischio abituale a causa di un senso di euforia durante le espansioni del mercato.

Entrambi sono esempi di eccessi che espongono gli investitori a danni in caso di un’inversione di tendenza. Nel primo caso, l’investitore perde un’opportunità. Nel secondo, aumentano notevolmente i loro rischi.

Queste due tendenze possono essere aggravate dal pregiudizio della casa, che spinge gli investitori verso i titoli e le strategie che conoscono meglio. Lo stesso vale per l’eccesso di fiducia e l’illusione del controllo, che inducono gli investitori a concentrare le proprie attività in poche posizioni o aumentare considerevolmente il peso di uno specifico titolo. Infine, la paura di perdere i guadagni è spesso un cattivo compagno, in quanto porta a prendere decisioni affrettate e, in definitiva, inopportune.

Teoria della scatola / prospettiva

Tutti gli investitori vogliono evitare di perdere denaro. Tuttavia, tendono a vendere posizioni vincenti troppo presto perdendo opportunità di crescita sostanziali. Quando un titolo inizia ad aumentare di valore, il senso di soddisfazione iniziale è forte ma non aumenta in proporzione alla crescita del titolo in portafoglio. Invece, la paura di vedere i guadagni non realizzati tornare a zero crea una fortissima sensazione di disagio. Gli investitori sono quindi tentati a vendere troppo presto.

Può anche verificarsi il contrario. All’inizio di una crisi, quando le perdite sono intorno al 10-15%, il senso di disagio è forte. In effetti, è più forte di quello percepito durante una ripresa, in quanto gli investitori hanno difficoltà ad accettare la situazione.

Perdono la lucidità e si aggrappano alla speranza che il titolo si riprenda, anche se tutti gli indicatori stanno dicendo il contrario. Vendere in perdita è una pillola amara, da inghiottire, per qualsiasi investitore.

Ma, nel momento in cui la perdita diventa significativa, le conseguenze psicologiche di ulteriori declini assumono un carattere diverso. Gli investitori pensano che sia troppo tardi per vendere e mantengono passivamente il titolo in portafoglio. Se il titolo ritorna al suo prezzo di acquisto, l’investitore lo venderà rapidamente, anche senza un profitto.

Effetti psicologici

La finanza comportamentale è particolarmente importante quando si tratta di arbitraggio. Gli investitori devono essere sempre pronti a bilanciare il loro portafoglio, vendendo i titoli meno promettenti al fine di acquistare quelli con il maggior potenziale. Ci sono diversi pregiudizi psicologici che ostacolano l’arbitraggio efficace.

In un portafoglio azionario, è più facile trovare nuovi titoli da acquistare, in quanto la selezione è ampia. La vendita, d’altra parte, è più difficile. Quando un investitore decide di vendere, manifesta inconsciamente l’effetto dotazione, che è la naturale tendenza ad attribuire più valore a ciò che possiede.

Pertanto, l’investitore attribuisce soggettivamente un valore superiore alla sicurezza che detiene, portando a un risultato di arbitraggio diverso da quello pianificato. Se la sicurezza entra in una fase discendente, l’investitore rischia di mantenere una posizione sottoperformante. Ciò è particolarmente problematico se combinato con l’aspettativa di ottenere rendimenti che non sono più raggiungibili. È piuttosto come un giocatore d’azzardo che continua a giocare e a perdere denaro credendo che lo vincerà.

Se uno è a conoscenza di questo pregiudizio, può neutralizzarlo invertendo la formula. In altre parole, l’investitore dovrebbe immaginare di non detenere la quota nel proprio portafoglio e chiedersi se lo acquisterebbe al prezzo indicato. Se la risposta è no, allora non hanno motivo di tenerlo. Va venduto!

“Nell’attuale contesto, la finanza comportamentale è diventata indispensabile per gli investitori, e quindi per le banche private”.

ha spiegato Belorgey. 

Non esiste una soluzione miracolosa. Nel caso della gestione attiva, il private banker svolge un ruolo essenziale. Poiché conoscono il loro cliente e la strategia che hanno messo in atto, possono aiutarli a stare alla larga da tali riflessi “naturali”.

“I nostri dipendenti sono già stati ampiamente consapevoli della finanza comportamentale da diversi anni, grazie al nostro capitale B * specializzato nel mercato azionario”

ha affermato Belorgey.

“Siamo in una fase di coaching attivo, parlando individualmente a ciascun dipendente al fine di integrare in modo ottimale la finanza comportamentale con il processo di relazione con il cliente. Il nostro obiettivo è quello di applicare questa conoscenza nelle relazioni personalizzate che intratteniamo con ciascuno dei nostri clienti, poiché riteniamo che la finanza comportamentale sia importante quanto il rapporto con il cliente come competenza finanziaria.”

“Per esplorare ulteriormente il tema della finanza comportamentale, abbiamo anche organizzato conferenze presso centri bancari privati ​​per aiutare i clienti a identificare i pregiudizi comportamentali. Questo approccio è supportato da una serie di video accessibili sui siti web di Aiutano a illustrare l’importanza della comprensione della psicologia degli investitori e insegnano agli investitori i pregiudizi che commettono e che devono superare.

“I video sono organizzati su temi specifici, come il modo di investire, il mantenimento di un arbitraggio ben diversificato, efficace, il monitoraggio delle tendenze e gli investimenti contrarian. A breve lanceremo un’app per dispositivi mobili dedicata per completare il supporto per i nostri clienti nell’area della finanza comportamentale. Questa iniziativa si inserisce nel nostro più ampio approccio di digital banking “.

Tratto da: World Finance Author: Béatrice Belorgey, CEO of BNP Paribas Banque Privée

Lascia un commento